FANTASMI

Ma quante guance ha questa nostra Europa? Per quanto ancora continuerà a farsi violare in nome di una “politically correct”, che cocciutamente vuole evitare ogni possibile offesa verso tutti, anche se è ormai chiaro che non è corrisposta, ma ignorata fino al disprezzo oltre all’offesa?
Denis Diderot, filosofo e scrittore illuminista francese del XVIII secolo, aveva scritto che l’onore di un uomo ha una sola guancia e io aggiungerei che lo stesso dovrebbe valere anche per la dignità di un popolo, quello italico, come quello del resto di questa Europa.
Fino a quando accetteremo questa politica europea che nell’interesse di pochi e di grandi capitali in mani di pochi ci sta “de-europizzando”, impoverendo la gente, obbligandola a regole e imposizioni che violentano il buon senso, introducendo culture avulse e spesso incompatibili con la nostra? Dice bene chi dice che a Bruxelles si discute e si pensa più al diametro delle vongole che al benessere generale.
Quando si riuscirà a capire che regole sbagliate e una immigrazione incontrollata distruggerà questa Europa, secoli di evoluzione che rischiano di finire nella polvere?
Questa è una Europa di pochi potenti eletti che ciecamente ed egoisticamente si fanno i loro affari alla faccia dei Paesi che questa Europa la sognavano per i popoli e non per le banche e gli affaristi.
Evidentemente non sono bastate le esperienze dolorose dell’ultimo conflitto mondiale, delle dittature. Si vuole riproporle dimenticando, sempre per interesse, che nazismo, fascismo e islam erano alleati e condividevano gli stessi progetti di espansione e potere, la stessa prevaricazione sugli altri.
Una violenza che sta insanguinando di nuovo le nostre vite, senza carri armati e aerei, ma assai più subdola e crudele.
Che ammazza ciecamente in nome di una ideologia spacciata per un credo religioso aberrante, lontana anni luce da noi. Che non richiede lager, ma trasforma la nostra stessa casa in un lager.
Il tutto mentre chi ci dovrebbe “governare” e difendere, si perde in discussioni, proposte, baruffe chiozzotte e mille distinguo su chi, su come, su dove.
Siamo cittadini di una Europa Fantasma, illiberale e antisemita, fatta di apparenze, di governi fantocci e popoli che non contano nulla e poco possono fare se non cercare di sopravvivere. Un carrozzone che manteniamo, ma non gestiamo.
Dovremmo chiederci con preoccupazione se alla fine e tutto questo non cambierà quanto prima, se ci saranno di nuovo gli Alleati a tirarci fuori dalle peste, salvandoci.

paolo carbonaio




MENU DEL SITO

 
 

Questo sito con gli scritti e le immagini che lo compongono
è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons
Creative Commons License