Forse sono troppo apprensivo…

I Buddha giganti di Bamiyan, al centro dell'Afghanistan, me li sono persi definitivamente. Chissà, forse un giorno sarei potuto andare ad ammirarli dal vivo. Forse. Invece non ci sono più, sono stati distrutti completamente dai Talebani.
I motivi uno potrebbe anche tentare di comprenderli, accettare una giustificazione se la loro esistenza rappresentava un pericolo, una minaccia alla vita di questa gente, ma motivi non ci sono. Rappresentavano una divinità che non è la loro, ma stavano lì da 1500 anni a testimoniare una religione, una cultura di tutto rispetto. Una cultura assai diversa da quella dei nuovi barbari del ventunesimo secolo.
Chissà quante altre cose mi sono perse e non solo io, cancellate dall'intolleranza e dalla rabbia ossessiva di questi guerrieri integralisti che dell'interpretazione del Corano ne hanno fatto una questione talmente personale ed estrema, da coinvolgere intere popolazioni e, non dimentichiamolo, anche noi occidentali. E non mi riferisco solamente alle vittime degli attentati di al Qaeda e delle altre organizzazioni terroristiche, mi riferisco ai tanti poveracci "giustiziati" nel mondo islamico, alle donne, lapidate e ancora da lapidare e mi fermo qua, perché in questi ultimi tempi di fatti ne abbiamo conosciuti anche troppi ed è inutile stare ad elencarli di nuovo.
Fascisti, nazisti e comunisti bruciavano i libri sul rogo per cancellare il pensiero degli altri, proibivano di ascoltare la radio, guardare i film, hanno persino modificato termini stranieri e i cognomi della gente. Lo sappiamo. Ma siamo riusciti a cambiare, a capire, ed ora sono "vergogne" superate, da non dimenticare, ma superate, si spera. Fattacci dei secoli scorsi. Storia passata, anche se ancora oggi ci sono tra noi dei cretini che bruciano bandiere, esaltano il terrorismo e in qualche posto c'è ancora qualcuno al quale non dispiacerebbe liberare il suo Paese con una bella pulizia etnica, eppure negare l'esistenza di uno Stato sovrano e democratico come Israele. Anche il cattolicesimo ha avuto un momento discutibile quando ha voluto imporsi con la brutalità dell'inquisizione, lo sappiamo, e pure questi avvenimenti fanno parte della nostra memoria. La stragrande maggioranza, per fortuna, non ritornerebbe mai indietro perché concetti come libertà e tolleranza sono oggi ben radicati nelle nostre comunità. Siamo maturati, grazie a Dio. Ma perché ricordare i Buddha di Bamiyan? Perché è un fatto eclatante che mi ricorda anche le altre forme di violenta prepotenza e di intolleranza come la condizione delle donne, per fare un esempio, il rifiuto assoluto di condividere altre culture, conoscenze, altre religioni o, addirittura, proibire di cambiare fede, atto che merita addirittura la pena di morte. Insomma, nel mondo talebano e fondamentalista non c'è spazio che per se stesso, il resto non esiste e, mi pare anche di capire, non dovrebbe nemmeno esistere.
Pazienza, si potrebbe commentare, che ognuno viva come vuole e che creda in chi vuole, a modo suo, anche se per noi non è facile lasciar correre e disinteressarci di cosa succede agli altri, quelli che, lontani dalle nostre democrazie, certi regimi li devono subire senza possibilità di scelta e sono indottrinati con l'odio. Ma questa non è una soluzione e nemmeno una giustificazione e, tanto meno, possiamo restare indifferenti.
E' a questo che pensavo leggendo che la comunità islamica italiana vuole fondare un partito politico. Il fondatore è un personaggio che ho già avuto l'occasione di ascoltare alla tv e mi aveva lasciato assai "perplesso" - eravamo nel periodo appena seguente ai tragici fatti americani. Ricordo in particolare che c'è l'aveva col crocifisso. Non gli andava proprio giù. Oppure, come oggi, che nelle scuole si vorrebbe insegnare anche la religione islamica, mentre a mio avviso sarebbe meglio insegnare la storia di tutte le religioni e lasciare il resto alle singole comunità religiose ed alla libera scelta dei giovani e delle rispettive famiglie, senza coinvolgere le scuole.
Io non sono particolarmente religioso, anzi, tutt'altro, però rispetto la professione di fede degli altri che ritengo liberi in assoluto di esercitarla. Dio è un pensiero che corre veloce per l'Universo aveva detto Empedocle di Agrigento, 6oo anni prima di Cristo, e credo che questo pensiero sia diritto di ognuno, senza imposizioni o proibizioni di sorta e nella forma che ognuno desidera.
Ora mi chiedo: questo eventuale partito politico islamico che per la nostra democrazia avrebbe tutti i diritti di crearsi, come la penserà in materia di religione, di comportamento, d'applicazione delle leggi coraniche? Se mai dovesse arrivare al governo e legiferare - un domani, molto domani - cosa pretenderà dai non islamici?
C'è da chiederselo seriamente, considerando che stato e religione sono un tutt'uno secondo quanto ho appreso leggendo sul mondo islamico e visitando certi Paesi del Medio Oriente e dell'Africa dove la Sharja è applicata alla lettera.
Forse sono troppo apprensivo, forse tra il dire e il fare ci scorre il mare, l'oceano. Forse, ma intanto mi sono perso i Budda e non è cosa da poco. Ma non vorrei che ad una nostra futura possibile "segreta" memoria storica e culturale si aggiungessero i Caravaggio, i Raffaello, i Michelangelo, i Rembrandt, la lettura di Hemingway, di Dante, i gialli di Agata Cristie, la musica di Beethoven, Chopin, i film di Fellini, quelli con Benigni e mettiamoci anche Guerre stellari.
Non lo vorrei proprio, per non parlare di tutto quello a cui siamo abituati nel nostro vivere quotidiano, bello o brutto che sia, programmi televisivi compresi.

paolo carbonaio




MENU DEL SITO

 
 

Questo sito con gli scritti e le immagini che lo compongono
è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons
Creative Commons License