i dhows

I dhows del Mar Rosso e dell'Oceano Indiano

Dhow è il termine europeo con il quale si definisce un veliero arabo in generale. Costruzioni molto antiche, i dhows sono di modelli e dimensioni diverse secondo l'uso e le zone dove sono costruiti.
Tutti i dhow armano vele latine con uno o più alberi generalmente inclinati verso prora (maestra e mezzana). Le vele dei dhows costruiti in Mar Rosso e nei cantieri delle coste arabe sono di forma trapezoidale in quanto manca loro un piccolo triangolo di tela nella parte prodiera. In genere gli alberi sono costruiti in un unico pezzo, diversamente dall'antenna che sostiene la vela.
In navigazione l'antenna con la vela è sempre sottovento all'albero ed in caso di cambio di mura, si deve spostarla mollando le scotte e le sartie volanti per porla verticalmente e doppiare l'albero. Ma è una manovra che si fa raramente, perché in Oceano Indiano soffiano i Monsoni e i tragitti si svolgono per la gran parte navigando sempre con le stesse mura.
I Monsoni spirano costantemente da Sud Est nel periodo che va da dicembre a marzo e da Nord Est nel periodo che va da aprile a novembre.
I dhows più grandi sono sempre pontati e con una stiva per le merci, mentre raramente vi sono delle cabine per gli equipaggi che dormono all'aperto. I servizi igienici, quando ci sono, si compongono di una piccola struttura chiusa posta esternamente al piano di coperta e a volte si riducono ad un fusto vuoto di petrolio con un buco sul fondo.

I dhows sono da sempre utilizzati dai navigatori arabi per il trasporto costiero di merci e di persone e per traghettare i fedeli a La Mecca. Gli scafi più grandi navigavano in tutto l'Oceano Indiano, commerciando con le isole Seychelles, Mascarene, Comore, Zanzibar e Madagascar.
La navigazione in Oceano Indiano degli arabi, valenti astronomi e navigatori, inizia tra il nono e decimo
secolo, quando i dhows raggiunsero, oltre a tutti gli arcipelaghi,anche l'India, lo Sri Lanka e persino la Cina.
In questi lontani paesi gli arabi aprirono centri di scambi commerciali e si racconta che fu proprio a seguito di questi viaggi che sono nate la leggenda di "Simbad il marinaio" e le storie delle "Mille e una notte". Con il decimo secolo gli Arabi navigarono anche il fiume Volga e raggiunsero il Mar Caspio.
Alcuni dhows di dimensioni maggiori, per la loro struttura, si crede siano discendenti diretti delle navi portoghesi che trafficavano merci e schiavi lungo le coste del Mar Rosso, della Penisola Arabica e quelle dell'Africa orientale sull'Oceano Indiano a cominciare dal sedicesimo secolo.

Il Baghlà è il dhow più elegante ed è utilizzato per la navigazione costiera lungo le coste della Penisola Arabica.
Il Sambuk, dhow tipico del Mar Rosso, è costruito ad Aden. E' distinguibile per la prora spinta in fuori e ricurva come una lama di scimitarra e per la poppa piatta e quasi verticale. Per la forma dello scafo ricorda la Caravella.
Il Boom è tra le più grandi imbarcazioni a vela arabe e può raggiungere anche i 25, 30 metri di lunghezza e superare le 200 tonnellate di stazza. Ha la prora e la poppa con notevole slancio ed il timone a ruota sotto una tettoia fissa sul cassero di poppa che funge anche da ricovero per l'equipaggio. Diversamente dagli altri dhows, il Boom può avere l'albero di mezzana inclinato verso poppa. Utilizzato prevalentemente in Golfo Persico, è costruito nei cantieri del Kuwait. Per la sua grandezza è stato maggiormente utilizzato nelle lunghe navigazioni oceaniche.
Il Ghanjah, simile al Boom, ha un cassero di poppa rialzato e munito di finestre per l'areazione delle stive, lungo e stretto e normalmente lussuosamente decorato, è ormai scomparso dai mari arabi.


i dhows

MENU DEL SITO

 
 

Questo sito con gli scritti e le immagini che lo compongono
è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons
Creative Commons License