IL PARADISO DEI CANI

Io credo in un Paradiso, ma è non quello in cui credono comunemente gli uomini. Questo è completamente diverso.
E' un posto dove non c'è scritto che vi entreranno i buoni, i credenti che hanno vissuto una vita improntata al bene e nemmeno c'è scritto che spetta ai veri fedeli, quelli che a dio hanno donato l'esistenza e la vita stessa.
Non ci sono santi, angeli o cherubini ad attenderli e nemmeno le huri, le vergini che allietano l'eternità agli eroi. Non ci sono cancelli, recinti di reticolati e muri di cinta. E' solamente un infinito
spazio libero, con tanti alberi, prati sempre verdi e ruscelli d'acqua limpida. Se ci fossero dei cartelli, servirebbero a far sapere a tutti che lì non esistono nemmeno catene, cinghie, guinzagli e museruole. E' un posto dove non si sa nemmeno cosa siano.
Sto parlando del Paradiso dei Cani, un luogo dove non si pretende nulla per avere il diritto di entrarci e non promette beatitudine ma libertà e l'aria profuma di quel amore che solo i cani sanno dare. Una ricca fragranza che appaga il cuore e chi ha avuto un cane per amico sa certamente riconoscere.
Qui ci sono tutti i cani. Quelli amati, quelli abbandonati, che hanno vissuto alla catena, che sono stati sfruttati, mandati a morte nei laboratori e fatti scannare l'uno contro l'altro, e ogni cane della Terra ha il posto assicurato.
Ci troveremo i nostri amici, quelli che ci hanno fatto compagnia fino all'ultimo, amato e difeso, che hanno trascorso la vita attendendo da noi anche una sola carezza e in cambio a molti hanno riempito la vita.
E' un Paradiso particolare, molto più modesto dei paradisi proposti dalle religioni, un paradiso senza pretese, come senza pretese sono i suoi ospiti.
Un Paradiso così dovrebbero averlo anche i cuccioli dell'Uomo, quelli che sono stati violati, sfruttati, abbandonati e uccisi. Un posto dove giocare per sempre senza subire mai più la crudeltà degli uomini.
Forse questo paradiso esiste e, se non ci fosse, sono certo che i cuccioli dell'Uomo troverebbero accoglienza nell'altro, quello che credo esista per i cani. Allora sì che sarebbe veramente completo, perché su quell'erba sempre verde, sotto le fronde degli alberi, si sentirebbero i suoni più belli: le grida e l'abbaiare di un cucciolo d'uomo col suo cane che giocano assieme.

paolo carbonaio


Post scriptum: Non è che mi sono scordato dei Gatti o li ho esclusi… figuriamoci! Ci sono anche loro nel mio Paradiso. Ci sono ma da bravi Gatti assennati non si vedono, perché con tanti cani in giro a far cagnara, se ne stanno furbescamente acquattati tra il fogliame a “tenerli sotto controllo”… Meglio essere prudenti, avrebbe commentato il mio gatto Filippo :-)


Zar

Riccardo

Cesare Skipper

Alice


menu del sito
 
 

Questo sito con gli scritti e le immagini che lo compongono
è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons
Creative Commons License